Chi siamo, cosa vogliamo

Con questo blog proponiamo di stimolare la discussione sui valori della Costituzione all’interno del mondo dell’istruzione, nella speranza di dare un contributo ad una politica sulla Scuola Pubblica che inverta la tendenza degli ultimi anni.

Siamo un gruppo di persone (insegnanti, genitori, studenti, cittadini…) che si è costruito nel corso di anni, a partire dal 2005, intorno ad una proposta di legge di iniziativa popolare, conosciuta come LIP Scuola. Insieme a tanti altri “compagni di strada” abbiamo redatto, nel 2006 e nel 2017, due diverse proposte di legge, la prima come tentativo di contrastare la riforma Moratti, la seconda per cercare di rimediare ai danni ormai gravi inferti al sistema scolastico dalle successive riforme Gelmini e Renzi (Buona scuola).

I tentativi di presentare una legge in parlamento sperando di vederla approvare non sono, purtroppo, andati a buon fine, nonostante ci fossimo mobilitati in migliaia.

Abbiamo capito che occorre creare un forte movimento di pressione politica, costituito in primo luogo da docenti, ed esteso a tutti coloro che credono nella Scuola Pubblica, nella sua natura autenticamente legata alla nostra Costituzione.

Dobbiamo essere capaci di formulare proposte, di esprimere pensieri, reagendo alla propaganda che di volta in volta ha dipinto la Scuola, e gli insegnanti, come un inutile spreco di soldi, come una “azienda mal funzionante”.

La Scuola e gli insegnanti devono tornare ad avere il rispetto e la dignità che la Costituzione prevede. Questo si può fare solo se, tutti insieme, cambiamo strategia. Dobbiamo lasciare le sterili e momentanee proteste e avviare una azione continua, qualificata, propositiva. Gli insegnanti devono riappropriarsi del loro ruolo di guida della Scuola pubblica, e smettere di subire scelte politiche fatte da altri.

Per questo motivo, dopo l’ultimo tentativo del 2018 di presentare una legge in Parlamento, abbiamo deciso di inaugurare questo spazio e di creare un gruppo di docenti impegnati in una sorta di “laboratorio per l’istruzione pubblica”.

Questo blog ne vuole essere lo strumento, ospitando idee, proposte, interventi.

Il metodo politico consiste nel fare petizioni, conferenze, inviare mail, partecipare a conferenze… insomma, farci sentire, ed occorre essere in tanti.

1 Novembre 2018

firmato: la redazione